Accedi come Scuola



Come trovare Lavoro (su Internet)

Cercare lavoro è un lavoro. Non è facile e non è veloce, soprattutto in tempi in cui il lavoro scarseggia. Per questo è importante conoscere al meglio tutti gli strumenti a tua disposizione per aiutarti in questo compito.

Internet è la risorsa principale a cui devi fare riferimento: sul web esistono infatti tanti strumenti e servizi che ti aiutano ad entrare in contatto con aziende e professionisti, molto più efficaci dei tradizionali annunci sui giornali.

Ma anche i servizi online possono risultare inefficaci: se non sai come muoverti, rischi di passare il tempo a fare ricerche inconcludenti, e finisce che abbandoni l’impresa dopo pochi giorni.

Dunque, come fare?

Innanzitutto è importante capire che non puoi cercare un lavoro qualsiasi sulla rete e sperare di trovarlo: hai bisogno di una strategia di ricerca completa e articolata, che ti porti a trovare un buon lavoro.

Ecco un’anteprima del percorso che devi percorrere:

  • Identificare l’obiettivo: individua qual è il posto di lavoro che vuoi raggiungere
  • Raccogliere informazioni: impara a conoscere il settore in cui vuoi trovare lavoro
  • Cercare le offerte di lavoro: fai una ricerca mirata con i motori di ricerca lavoro
  • Sfruttare metodi alternativi: usa tutte le possibili alternative per trovare lavoro
  • Presentarsi nel modo migliore: aumenta le possibilità di essere selezionato
  • Diventare il candidato ideale: perfeziona le tue skills
  • BONUS: Attento alla reputazione digitale

Sei pronto ad iniziare la ricerca del lavoro ai tempi di internet? Allora cominciamo!

Identifica il tuo obiettivo lavorativo

Come fai a raggiungere una meta se non hai idea di dove vuoi andare?

Il primo passo è quindi avere una chiara idea di che cosa stai cercando. Se non sai qual è il tuo obiettivo, non avrai modo di utilizzare internet per raggiungerlo.

Quindi devi iniziare a capire quali sono i tuoi interessi e i settori professionali a cui vuoi fare riferimento: così inizi a limitare il campo della tua ricerca. Chiediti quali interessi ti entusiasmano, quali mansioni hai svolto con più piacere e con i risultati migliori. E se non hai mai lavorato, pensa allo studio, e a quali argomenti ti hanno interessato di più: già così riuscirai a delimitare la ricerca.

Questo è un primo passo fondamentale, perché il principale errore di chi sta cercando lavoro è quello di cercare un lavoro qualsiasi: se la tua ricerca è vaga, avrai solo risposte vaghe.

Devi avere un obiettivo specifico per poter ottenere risultati concreti!

Hai individuato qual è il tuo obiettivo? Allora passa al prossimo punto!

Raccogli informazioni

Informati. I risultati della tua ricerca non possono essere positivi se ti butti a capofitto senza avere un giusto grado di preparazione.

Cosa vuol dire informarsi?

Significa studiare il settore: sapere quali sono le aziende che lo popolano, dalle multinazionali alle start-up, dai marchi storici a quelli appena entrati nel settore. Significa anche conoscerne i trend, le opportunità e le sfide che lo caratterizzano.

Ma che cosa dovresti cercare?

Usa internet per cercare alcune parole chiave legate all’ambito di tuo interesse. Vedrai che i risultati ti daranno un grande numero di spunti da cui partire: articoli di giornali e riviste che presentano le novità delle aziende e parlano dei risultati ottenuti dal settore, blog tematici, gli stessi siti internet delle aziende.
Leggi gli articoli, informati sulle companies di punta, segui i profili ufficiali delle aziende e dei suoi professionisti più rappresentativi - a loro volta condivideranno per lo più materiali utili e interessanti di quello stesso ambito.

Insomma, informati, fai ricerca e diventa un esperto del tuo campo.

Tutte queste informazioni non servono solo per sapere come e dove cercare lavoro, ma sono molto utili anche in fase di selezione, poiché potrai mostrarti realmente interessato e consapevole dell’ambito in cui ti muovi.

Cerca le offerte di lavoro sul web (motori di ricerca lavoro)

Una volta che hai studiato il tuo “territorio di caccia”, puoi iniziare la ricerca vera e propria delle opportunità di lavoro. E qui internet diventa fondamentale.

Il 99,8% delle offerte di lavoro si trova online, secondo una ricerca Nielsen del 2017.

Questo comporta alcuni notevoli vantaggi: le distanze vengono annullate, le frontiere oltrepassate, e sostanzialmente si possono cercare offerte in ogni parte del mondo senza doversi alzare dalla sedia del proprio salotto.

Ma dove trovare le offerte di lavoro su internet?

I primi strumenti da utilizzare sono i motori di ricerca specifici per il mondo del lavoro: sono dei siti specializzati nel raccogliere le offerte di lavoro e permettono agli utenti una ricerca semplice e veloce all’interno degli annunci. Di solito permettono di fare ricerche per mansione lavorativa e/o città, in modo da ottenere un elenco con le offerte di lavoro ristretto e specifico per le esigenze di ciascuno (ad esempio, si possono cercare tutti gli annunci per “web developer” a “Milano”). Di solito ti permettono anche di salvare una specifica ricerca, per poter ricevere direttamente nella tua casella email le offerte più recenti: in questo modo sei sicuro di restare costantemente aggiornato!

I motori di ricerca più utili per trovare lavoroIndeed, Jobbydoo, Infojobs e Monster.

Esistono anche altri siti che possono servirti per questo tipo di ricerca: prima di andare avanti è meglio se vai a controllare la nostra lista con i Migliori Siti per la ricerca del lavoro!

Hai scelto i tuoi siti di riferimento per la ricerca lavoro? Ottimo, allora possiamo procedere!

Metodi alternativi di ricerca lavoro

Oltre ai siti specializzati, hai altre strade che puoi percorrere.

Gli stessi motori di ricerca generici (qualcuno ha detto ‘ok Google’?) possono darti ottimi risultati... o pessimi risultati! Tutto sta nelle chiavi di ricerca che utilizzi.

Ecco qualche esempio per aiutarti a trovare quello che stai cercando… E ricordati di non fermarti solo ai primi due o tre risultati che trovi, ma scendi anche un po’ più giù, perché potresti trovare il tuo tesoro nascosto sotto l’arcobaleno (come nono o decimo risultato)!

Dunque, se stai cercando per categoria lavorativa (ad esempio magazziniere) o per località (ad esempio Milano) prova a cercare:

  • “lavoro” + categoria
  • “cerco lavoro come” + categoria
  • “annunci di lavoro” + categoria
  • “offerte di lavoro” + categoria

Usa diverse varianti della categoria, perché ottieni risultati diversi: ad esempio, oltre a “magazziniere” cerca anche “addetto al magazzino” e “operatore centro logistico”.

  • “lavoro a” + località
  • “cerco lavoro a” + località
  • “annunci di lavoro a” + località
  • “offerte di lavoro a” + località

Prova con le singole città, ma poi estendi la ricerca anche alle province e alle regioni, per essere sicuro di controllare tutte le diverse possibilità.

Ricorda che puoi anche fare ricerche per competenze: se eccelli nella programmazione con un linguaggio specifico, cerca anche il nome del linguaggio di programmazione. E questo può valere per il software che sai usare, per il tipo di patente di guida che possiedi, per le lingue straniere che conosci. In questo modo puoi intercettare tutte le offerte di lavoro che richiedono le tue competenze specifiche.

E se invece vuoi lavorare per un’azienda specifica? Allora fai queste ricerche:

  • “lavora con noi” + nome azienda
  • “posizioni aperte” + nome azienda
  • “opportunità lavorative” + nome azienda
  • “career” + nome azienda

Se l’azienda ha una pagina web dedicata a chi vuole intraprendere una carriera al suo interno, la dovresti trovare tra i primi risultati.

CONSIGLIO PRO: hai trovato la pagina dell’azienda, ma non ci sono posizioni aperte al momento? Anziché ricaricare la pagina ogni 5 minuti per vedere se l’hanno aggiornata inserendo una nuova posizione, utilizza strumenti come followthatpage.com e visualping.io. Sono dei tool che monitorano una specifica pagina web al posto tuo, e ti mandano un avviso quando viene modificata: così sei sicuro di vedere immediatamente ogni nuova posizione!

Nel caso in cui l’azienda non avesse una pagina specifica, non ti arrendere: cercala su LinkedIn e segui i suoi canali social (e cerca di entrare in contatto con i suoi selezionatori!). Nel momento in cui dovessero aprire delle posizioni, le potrebbero pubblicizzare proprio attraverso questi canali.

E se invece volessi conoscere tutte le aziende attive in un certo settore, per provare ad inviare delle autocandidature? Puoi utilizzare le business directories, elenchi di aziende liberamente consultabili online, come paginegialle.it e misterimprese.it. Si possono fare ricerche per località, nome d’azienda e tipologia di impresa. Ad esempio, se hai esperienza come dipendente presso negozi di abbigliamento, puoi avere un elenco di tutte le aziende che operano in una data città. Non sempre ci sono dati aggiornati, ma queste possono essere ottime fonti di informazioni, soprattutto se cerchi tipologie di aziende tradizionali.

Presentati nel modo migliore

Ecco quindi che hai trovato delle ottime offerte di lavoro a cui candidarti. Ma attento! Non farti prendere dalla fretta, rischieresti di vanificare il lavoro fatto finora.

Infatti, devi evitare che la tua ricerca di lavoro si trasformi in un continuo invio di CV che non ricevono risposta. Che si traduce in frustrazione e scoraggiamento e che porta ad un fallimento assicurato.

Ma con la giusta preparazione alle spalle, puoi presentarti nel modo migliore per aumentare le probabilità di successo.

Ma come ci si può presentare nel modo migliore?

Gli strumenti a tua disposizione sono due:

No, non sono strumenti innovativi.
E sì, hanno ancora un’enorme importanza nella tua ricerca di lavoro.

La chiave per sfruttarli a dovere è la personalizzazione. Infatti, devi ritagliare alla perfezione CV e lettera di presentazione su misura dell’annuncio di lavoro.

Rileggi con molta attenzione la singola offerta di lavoro a cui vuoi candidarti. Individua quali sono i punti principali su cui si concentra: usa questi dettagli per farti guidare nella scelta di cosa inserire e cosa escludere mentre prepari il curriculum e la lettera.

Ricordati: non esiste un cv perfetto che vada bene in risposta ad ogni annuncio. Ma puoi scrivere un curriculum perfetto per una singola offerta di lavoro, e ovviamente DEVI farlo. E lo stesso discorso vale per la lettera di presentazione: sarebbe meglio scriverne una del tutto nuova per ogni singola candidatura. Solo così puoi rispondere in modo specifico alle richieste dell’azienda, e aumentare le possibilità di essere assunto.

Diventa il candidato ideale

Analizzando le offerte di lavoro durante la fase di preparazione del CV, hai individuato le principali competenze che vengono richieste per la posizione di tuo interesse. Fai dunque un confronto con le skills che possiedi:

Ti manca qualche competenza?

Perfetto, hai scoperto in che modo devi investire il tempo di attesa mentre cerchi lavoro: formazione professionale.

Magari possiedi competenze obsolete, che devono essere aggiornate. Oppure puoi migliorare la tua conoscenza di una lingua straniera. Oppure ancora puoi acquisire una skill trasversale molto cercata.

Qualsiasi sia la competenza o la qualifica di cui sei privo, la soluzione è a portata di mano: cerca tra i diversi corsi disponibili su Corsidia e diventa il candidato ideale per la posizione dei tuoi sogni.

Attento alla tua reputazione digitale

Un ultimo aspetto da considerare nella ricerca del lavoro su internet è la tua Online Reputation. Con reputazione online o reputazione digitale si intende tutto ciò che emerge su internet durante una ricerca legata al proprio nome.

Proprio così: cerca su Google il tuo nome (si dice “fare egosurfing”), ed esamina attentamente quello che esce - perché sicuramente il recruiter lo farà.

Vedrai che i primi risultati sono di profili social ed eventuali spazi web personali: se avere uno proprio sito web non è così frequente, le principali fonti su di noi diventano i diversi social a cui siamo iscritti, professionali e non.

Per LinkedIn il discorso è facile: è un social network pensato per mettere in mostra gli aspetti legati alla nostra professione. Cura quindi ogni aspetto del tuo profilo, per aumentarne al massimo l’efficacia. Particolare attenzione meritano invece i social non professionali: i vari Facebook, Twitter, Instagram & co. offrono spiragli fin troppo grandi sugli aspetti privati della nostra vita.

Attento, perché questi dettagli non devono interessare né devono arrivare ai selezionatori: potrebbero infatti danneggiare le tue possibilità di successo nella ricerca del lavoro. Controlla quindi tutti i tuoi profili, imposta i diversi livelli di visibilità di quello che scrivi (ovvero rendi l’accesso privato a tutto ciò che non è professionale), e prenditi cura dell’immagine pubblica che dai su internet!

A questo punto serve aprire una parentesi: se cerchi lavoro in ambito digital, sappi che un bel profilo LinkedIn non basta. Devi seguire il famoso detto ‘Show, don’t tell’. Come fai a dire che sei un mago di WordPress, se non si trova nemmeno un blog di prova che hai creato tu?

Diventa l’agente di te stesso, crea progetti e rendili visibili online, per dare una dimostrazione pratica delle tue capacità. E non pensare che serva investire un grosso capitale per crearti un sito internet professionale: ecco infatti la classifica di SemRush sulle migliori piattaforme per blog e siti internet gratuiti.

 

Eccoci arrivati alla fine: adesso sai come impostare la ricerca del lavoro su internet.

È il tuo turno: non ti resta che iniziare... e in bocca al lupo!

Che ne dici?