Accedi come Scuola



Alessio beltrami trucchi evento cover

5 Trucchi per trarre il Massimo dal tuo Evento

Organizzare un evento di successo è molto difficile, non trarne il massimo, invece, è fin troppo facile

Un tuo evento gestito a regola d'arte non è solo un momento ben riuscito, è anche il trampolino di lancio per ogni tua attività futura. 
Per esempio il lancio di un tuo corso.

Recentemente sono stato a un evento di Alessio Beltrami, uno dei massimi esperti di Content Marketing che abbiamo in Italia. L'esperienza è diventata un esempio ricorrente che faccio ai miei committenti ogni volta che mi chiedono come dovrebbero gestire un evento dopo che esso è già stato promosso e i biglietti sono già stati acquistati. Insomma, quando già sai che avrai una sala piena di persone paganti, lì per ascoltare quello che hai da dire. Purtroppo in quel momento è facile cadere nella tentazione di pensare "ho già vinto".

Non è così.

In un certo senso anche tu hai appena acquistato il biglietto di una partita che devi giocarti al massimo.

È naturale che tu debba avere ottime capacità di public speaking per cavartela durante la cosa in sé, ma quello che vorrei condividere qui riguarda tutto ciò di prezioso che può, e deve, capitare subito prima e subito dopo. 
Ti racconto la mia esperienza così come la racconto ai miei committenti. 

Era un uggioso sabato mattina, mi ritrovo col mio biglietto acquistato al prezzo più scontato1 in mano, in fila per l'ingresso. 

Arriva il momento di essere registrato e, contestualmente, anche della prima piacevole sorpresa: incluso nel prezzo del biglietto c'è il libro sul content marketing di Alessio2

Trucco 1: regala un tuo lavoro all’ingresso (incluso nel prezzo)

Mentre entravo ho notato i videomaker che avrebbero registrato tutto con della attrezzatura professionale. Non c'è niente da fare, la telecamera conferisce subito un'aura di autorevolezza in più a tutta la situazione (ottima pre-suasione! esclamerebbe Cialdini). Anche fare un po’ di fila, per lo stesso motivo, non ha mai fatto male a nessuno, anzi!

Il proiettore in fondo non era spento in quanto non ancora utilizzato, ma bensì già sfruttato per proiettare una gigantografia del libro che ci era stato consegnato, aumentando la nostra percezione del suo valore mostrandolo in grande e in un contesto centrale (sempre Cialdini ha chiamato questo principio di persuasione come “what’s focal is causal”: ciò che è focale/centrale è percepito come più importante.)

Una volta entrati c’è stato tutto il tempo per prendere posto, socializzare un po’ e aspettare…
...anche l’attesa è una componente importante. Ha fatto bene Alessio a non farsi trovare subito lì ma ad aspettare il momento giusto per fare una entrata scenica a tutti gli effetti. 

Trucco 2: fai una entrata scenica

Soffermati pure a parlare col tuo pubblico dopo l’evento, ma non darti prima dell’inizio. Un po’ per lo stesso motivo per cui i musicisti fanno il soundcheck (provano le canzoni) prima dell’arrivo del pubblico e non mentre il pubblico è già lì. Se lo facessero ridurrebbero di molto il loro effetto scenico e valore percepito.


Una volta entrato Alessio, raggiungendo il palco dal fondo, da bravo showman ha utilizzato una scusa per farci alzare i libri e mostrare le copertine a favor di camera. “Mi hanno avvisato che c’è stato un problema coi libri, a qualcuno di voi ne hanno consegnato qualcuno con un errore in copertina, per favore controllate… ecco se lo rivolgete verso di me e lo alzate vi aiuto io, facciamo prima…” Ovviamente, capendo l’intento, ci siamo messi tutti a ridere ed è stato un momento comico ben riuscito. Ecco, iniziare con una buona battuta o momento divertente non guasta affatto! Il risultato è stato questo:

(Sono un po’ nascosto, riesci a trovarmi? :D)


Notare le espressioni genuinamente divertite. Un’immagine come questa, con un gruppo di persone sorridenti, tutte lì per te, che reggono in mano il tuo ultimo lavoro, è impagabile per ogni tua futura promozione! 

E tu? Ti sta piacendo questo articolo? Sarei davvero felice se mi regalassi un +1 o un tweet:

Grazie mille!

Trucco 3: cogli il momento per fare delle foto irripetibili


Non so se Alessio abbia anche fatto live tweeting o live sharing su facebook di contenuti come questa immagine durante l’evento. Se hai un pubblico che ti segue sui social può essere un modo per aumentare l’interesse di coloro che normalmente ti seguono ma che questa volta non hanno voluto/potuto partecipare al tuo evento. Si sentiranno un po’ esclusi, la prossima volta magari cercheranno di partecipare e, soprattutto, saranno più invogliati ad acquistare la registrazione del tuo intervento (i video-maker son lì e li hai pagati mica per niente eh!).
Anche se non lo fai proprio live ma subito dopo, per me funziona lo stesso.

Trucco 4: fai upsell!

All’inizio e verso la fine dell’intervento ci sono stati consegnati due buoni.

Il primo buono consentiva di ricevere una consulenza a prezzo scontato. 
Dopotutto in quella sala siamo tutti tuoi ottimi prospect, quindi perché non provare a venderci subito un tuo servizio in un momento così propizio dove il tuo valore percepito è al massimo? 

In ambito Education quello che faccio di solito in situazioni simili è offrire un buono per una lezione di prova gratuita e uno sconto nel caso finalizzassi l’iscrizione. In alcuni casi può essere utile estendere lo sconto anche agli amici (specificando che il buono è trasferibile) od offrire percentuali di sconto maggiori se lo studente porta uno o più altri studenti (di solito suoi amici).

Non è un’idea particolarmente innovativa ma è efficace, se hai idee migliori che vuoi condividere sarei felice di conoscerle, scrivimi pure nei commenti!

Trucco 5: registra, registra, registra

Il secondo buono conteneva la possibilità di lasciare i propri dati per ricevere il video dell’evento a prezzo scontato. In questo modo puoi assicurarti di avere le email (e quindi rimanere in contatto con loro per cercare di convertirli in clienti in futuro). Inoltre a fine evento era possibile registrare subito una propria video-testimonianza per ricevere gratuitamente la video-registrazione dell’evento.

Le video-testimonianze sono oro per aumentare la tua autorevolezza sul web e la facilità con cui potrai vendere tuoi prodotti e servizi in futuro. 

Per tutti gli altri il video dell’evento è stato messo in vendita, attraverso i canali social e la mailing list, col consueto marketing basato sull’urgenza e la rarità (in estrema sintesi il video è stato disponibile per un tempo limitato durante il quale il prezzo è aumentato ogni tot giorni).

Ricapitolando, il nostro Alessio, oltre a portare a casa un evento ben riuscito in quanto pieno di persone paganti e soddisfatte, si è portato a casa:

  • Un gruppo di prospect che terranno il suo libro sul comodino e lo presteranno agli amici
  • Una serie di immagini impagabili per le sue future attività di marketing e auto-promozione (per es. La foto che ti ho fatto vedere)
  • Una serie di video-testimonianze, uno degli strumenti di marketing più difficili da ottenere e, per questo, più preziosi.
  • Un video dell’evento da poter vendere e poter utilizzare in tanti altri contesti, a titolo esemplificativo:
    • Moneta di scambio per ottenere le video-testimonianze e altri prospect.
    • Contenuto da rendere parzialmente disponibile online.
    • Contenuto da rielaborare in altre forme (per es. trascrizione più o meno rielaborata con cui realizzare un articolo da inviare alla mailing-list e da posizionare sui motori di ricerca, con link a una landing page o squeeze page su cui rispettivamente vendere un servizio correlato o acquisire nuovi prospect).

Non male, eh?

La prossima volta che ti sentirai concentrato “solo” sulla promozione del tuo evento e sul discorso che ti toccherà fare davanti al tuo pubblico faticosamente conquistato, ripensa a come lavora Alessio e rileggi questo articolo.


Note

[1] Alessio utilizza spesso una nota tecnica di price marketing che consiste nel far leva sui principi di scarsità e urgenza aumentando il prezzo del biglietto con l’avvicinarsi dell’evento. Per non cascarci, l’ho comprato SUBITO!
[2] A proposito, scrivere un libro è un'ottima strategia di content marketing, ma per le finalità che di vedremo avrebbe potuto essere anche qualcosa di meno impegnativo. Certo però che, il tuo libro, fa la sua porca figura.

Che ne dici?

Scritto da

Duccio Armenise

Founder Corsidia & co-Founder WorldBridge

Aiuto solo i migliori Maestri a trovare i loro prossimi Studenti. Come? Così! :)

Per

Corsidia

I tuoi prossimi Studenti ti stanno già cercando, tu ci sei?