Accedi come Scuola



Grammatica Inglese: Verbo TO DO

Aggiornato: Pubblicato:

Hi and welcome back to my lessons!

Ciao e bentornato mio corso di inglese online e gratuito qui su Corsidia. Io sono Giulia di School2U, la tua teacher, e oggi ti parlerò del verbo TO DO (fare).

Cominciamo!

"To do": il verbo FARE in inglese

Il verbo "to do" è molto utilizzato nella lingua inglese, al pari del verbo "to have", che trovate nelle lezioni precedenti, e del verbo "to be".

Vediamo innanzitutto che cosa vuol dire e quando si utilizza.

Dunque, punto primo, "to do" si pronuncia con la U ma si scrive con la O.

In genere, nel dizionario, troverete come primo significato "fare": in effetti il verbo "to do" vuol dire fare, ma non ha soltanto questo significato.

Simple Present: verbo "to do"

Torniamo un attimo indietro e vediamo la sua declinazione al simple present per tutte le persone, sia in lingua inglese (to do) che in italiano (fare):

  • Inglese, to do (Simple Present)
    I do
    You do
    He/She/It does
    We do
    You do
    They do
  • Italiano, fare (Presente Indicativo)
    Io faccio
    Tu fai
    Egli/Ella fa
    Noi facciamo
    Voi fate
    Essi/Esse fanno

Come avrai notato forma del "to do" rimane sempre uguale all'infinito, così come tutti i verbi in inglese.
Quello che cambia invece è la terza persona singolare, ovvero HE-SHE-IT. In questo caso DO diventa DOES. Prima di aggiungere la classica S della terza persona singolare dell'inglese si mette prima la E, quindi la forma sarà DOES.

Verbo "to do": la forma negativa estesa e contratta

Alla forma negativa estesa, e per tutte le persone tranne singolare, è "do not" e per la terza persona è "does not". Invece diciamo che ormai la forma negativa si usa per lo più quella abbreviata, e quella abbreviata si scrive così: "don't".
Quindi "do not" diventa "don't" e "does not" diventa "doesn't". 

A seconda della pronuncia del Paese, la T può essere muta oppure no. In inglese britannico la T è più pronunciata, mentre nella parlata americano si sente meno.

Ricorda che c'è il verbo "to do" è molto importante, perché viene utilizzato come verbo ausiliare, vediamo insieme in quali casi.

Abbiamo visto nella lezione del verbo essere e del verbo avere che per fare le domande si inverte il soggetto con il verbo, per fare una frase negativa invece si mette il "not" con la forma abbreviata o contratta, oppure quella estesa.

Con tutti gli altri verbi che non siano "to have" o "to be", invece, utilizziamo il verbo "Do" per fare le negazioni e per fare le domande. In che modo? Allora, nelle frasi negative metteremo il soggetto (You oppure tutti gli altri tranne la terza persona) insieme a "don't" o "do not". Ecco un piccolo schema riassuntivo!

Inglese, to do, forma negativa (estesa/contratta)

I do not / don't
You do not / don't
He/She/It does not / doesn't
We do not / don't
You do not / don't
They do not / don't 

Ricorda sempre cosa hai appreso in precedenza, ovvero che nel parlato è molto comune la forma contratta, dunque quando si usa il verbo "to do" in forma ausiliaria per la negazione è preferibile dire, ad esempio, "you don't study", al posto della forma estesa "you do not study".

Come vedi l'utilizzo di "to do" come ausiliare è molto semplice e va bene con tutti i verbi, come in quest'altro esempio: "you don't swim", che vuol dire "tu non nuoti".

Presta attenzione alle terza persona singolare, perché lì la forma varia, infatti da "DO" si passa a "DOES", di conseguenza mutano anche la forma negativa abbreviata ed estesa, infatti diremo "she doesn't study" (lei non studia), ma mai "she don't study" perché sarebbe un grave errore.

Quindi ripassiamo ancora una volta lo scherma per la frase negativa in inglese: soggetto + do (o does se è interessata la terza persona singolare) + verbo alla forma base.

Le frasi interrogative in inglese con "to do" come verbo ausiliare

Cosa accade nelle frasi interrogative in inglese? Più o meno la stessa cosa, con la differenza che il verbo "to do" precede il soggetto, ma vediamolo con degli esempi per capire meglio:

  • "Do you study?" (Tu studi?);
  • "Does she study?" (Lei studia?).

Riassumendo il verbo "to do" come ausiliare nelle interrogative va utilizzato seguendo questo schema: do (o does se è interessata la terza persona singolare) + soggetto + verbo.

Ti ricordo che puoi usarlo per tutti i verbi e per fare tutti i tipi di domande:

  • "Do you swim?" ovvero  "tu nuoti?/voi nuotate?", perchè "you" ti ricordo che vuol dire sia "voi" che "tu".

In ultima battuta ti dico in che senso il verbo "to do" significa "fare": ad esempio per indicare o domandare di un lavoro o un compito. 

Se qualcuno ti fa una domanda del tipo: "What do you do?", tu puoi rispondergli con il tuo lavoro, per esempio "I am a nurse" (nurse sarebbe infermiera o infermiere).

In alternativa qualcuno potrebbe chiederti  "What do you do?", che significa "che cosa fai?": tu potresti rispondere "I do my homework", cioè "io faccio i miei compiti". 

Con questo abbiamo terminato la nostra veloce panoramica sull'utilizzo del verbo "to do" come ausiliare, sia nelle frasi negative che in quelle interrogative. Continua a seguire il corso online di inglese gratuito, perché nella prossima lezione parleremo di un argomento fondamentale per la grammatica inglese: il Present Continuous.

Nota bene: questa che stai leggendo è la versione gratuita di un corso di inglese online più completo e professionale, dove potrai essere seguito passo dopo passo all'interno di un gruppo esclusivo!

Iscriviti al gruppo segreto per imparare l'inglese!

Il corso di inglese completo include l'accesso a un gruppo esclusivo dedicato agli studenti di Giulia, per ricevere continuo supporto, risposte alle tue domande e aiuto per imparare ancora più efficacemente e velocemente!

Inizia subito a imparare l'inglese!

Thank you very much for watching, have a nice day, evening morning or whatever... and thank you very much for everything, bye!

Giulia

Scritto da

Giulia

Giulia Sparano

Titolare e insegnante di School2u

Laureata in Lingue all'Università Cattolica di Milano parlo fluentemente Italiano (madrelingua), Inglese, Spagnolo e Francese. Ho lavorato per molti anni come insegnante di lingua, traduttrice e interprete professionista prima di fondare School2u, la mia scuola di lingue, prima a Milano, e ora interamente Online.
Attualmente sono conosciuta principalmente per i miei corsi di lingua online professionali ai quali continuo a lavorare per renderli sempre più efficaci, e per passione.

Per